La propaganda palestinese e la mistificazione della realtà: un connubio che va avanti da decenni ormai…

 
admin
17 gennaio 2008
1 commento

il 28 Settembre del 2000 una passeggiata sul Monte del Tempio da parte di Ariel Sharon, allora leader del Likud, venne presa come pretesto dal capo dell’OLP, il terrorista assassino ladro e bugiardo Yasser Arafat, per scatenare la seconda Intifada. Qui di seguito un articolo che dimostra come la “protesta” (che altro non era che una scusa per scatenare di nuovo la violenza antisraeliana) fosse stata in realtà preparata da prima dai terroristi palestinesi, cosa questa che nonè mai stata raccontata dai mass media italiani, troppo occupati a seguire la linea editoriale del “dagli contro Israele”.

Passeggiata = Intifada?

“Chiunque pensa che questa intifada sia scoppiata per la visita di Sharon al Monte dei Templi sbaglia… questa intifada è stata programmata da molto tempo, da quando Arafat è tornato da Camp David” ha ammesso il ministro per le comunicazioni palestinese Imad Al-Faluji (in un’intervista ad Al Safir del 3/3/2001), ma ancora prima Al-Faluji ha affermato che questa guerra terroristica chiamata intifada è scoppiata come risultato di una scelta strategica fatta dai palestinesi (intervista al Ayam del 6/12/2000).

Arafat ha cominciato a chiamare i palestinesi alla nuova intifada già nei primi mesi del 2000. Davanti alla gioventù di Al Fatah a Ramallah il 3/4/2000 ha sostenuto che i palestinesi dovranno tornare all’opzione dell’intifada (come riferito chiaramente dal giornale Al Mujahid).

Marwan Bargouti, capo di Fatah in Cisgiordania, ha detto chiaramente già nel marzo 2000: “Dobbiamo iniziare una guerra sul campo di fianco ai negoziati….Cioè un confronto armato” (sul giornale Ahbar Al-Halil 8/3/2000).

Durante l’estate del 2000 Al Fatah ha costruito 40 campi di addestramento per allenare i giovani palestinesi alla guerra che preparavano.

L’edizione del luglio 2000 del mensile Al Shuhada, distribuito tra le forze di sicurezza palestinesi, recitava: “Dalla delegazione per i negoziati guidata dal comandante e simbolo Abu Ammar (Arafat) al popolo palestinese coraggioso, siate pronti. La battaglia per Gerusalemme è cominciata“. Un mese dopo il comandante della polizia palestinese ha detto al giornale ufficiale dell’ANP Al-Haiat Al-Jadida: “La polizia palestinese guiderà i figli nobili del popolo palestinese quando arriverà il momento del confronto militare.”

Freih Abu Middein, il ministro della giustizia dell’autorità palestinese, ha avverti to: “La violenza è vicina ed il popolo palestinese è disposto a sacrificare volentieri anche 5000 vittime” (Al-hayat Al-Jadida, 24/agosto/2000).

Un’altra pubblicazione ufficiale dell’autorità palestinese l’11 settembre del 2000, 2 settimane prima della passeggiata di Sharon, scrisse: “Noi dichiareremo l’intifada generale per Gerusalemme. Il tempo per l’intifada è arrivato, il tempo per la Jihad (guerra santa) è arrivato.”

Il consigliere di Arafat, Mamduh Nufal disse al francese Nouvel Observateur (1/marzo/2001): “alcuni giorni prima della visita di Sharon al monte dei templi, quando Arafat ci chiese di essere pronti per lo scontro armato io ero favorevole a delle dimostrazioni di massa, ma mi ero opposto all’uso delle armi, è stata la decisione finale di Arafat di adottare l’uso delle armi e di attaccare civili e militari israeliani con le bombe.”

Il 30/09/2001 Nufal ha spiegato ad Al-Ayam che è stato Arafat che ha emesso personalmente l’ordine ai comandanti del campo di aprire il confronto violento con Israele il 28 settembre del 2000.

A queste dichiarazioni, difficilmente sospettabili di essere filosioniste o manipolate da una qualche propaganda israeliana, va aggiunto un ultimo dettaglio: la visita di Sharon al Monte del Tempio era stata concordata con l’Autorità Nazionale Palestinese, e infatti, oltre che dai soldati israeliani, era accompagnato anche dalla polizia palestinese

Israele Dossier

Nella foto in alto: Ariel Sharon in visita al mnuro del Pianto, sacro agli ebrei (foto d’archivio)

Articoli Correlati
Giuditta Pini: la parlamentare PD che diffonde le menzogne della propaganda palestinese

Giuditta Pini: la parlamentare PD che diffonde le menzogne della propaganda palestinese

L’onorevole Giuditta Pini e il grottesco teatrino di “Pallywood” di Riccardo Ghezzi Giuditta Pini è una parlamentare della Repubblica italiana. Deputata del Pd. A questo dovete credere perché abbiamo fonti […]

Il terrorismo palestinese colpisce Israele, ma sui mass media assistiamo ad un ribaltamento della realtà

Il terrorismo palestinese colpisce Israele, ma sui mass media assistiamo ad un ribaltamento della realtà

Il terrorismo palestinese colpisce Israele, ma sui mass media assistiamo ad un ribaltamento della realtà Gerusalemme, 10 Ottobre 2015 – Anche oggi sia a Gerusalemme che in altre parti di […]

Ennesima bufala della propaganda palestinese: l’inondazione di Gaza “per colpa di Israele”

Ennesima bufala della propaganda palestinese: l’inondazione di Gaza “per colpa di Israele”

La bufala dell’inondazione di Gaza «per colpa di Israele» Agence France Presse (AFP), fra le più grandi agenzie di stampa al mondo assieme a Reuters e Associated Press, ha pubblicato […]

La vera storia della morte di Omar Misharawi, vittima della propaganda palestinese

La vera storia della morte di Omar Misharawi, vittima della propaganda palestinese

 La vera storia della morte di Omar Misharawi, vittima della propaganda palestinese Un rapporto delle Nazioni Unite indica che molto probabilmente fu un razzo palestinese fuori bersaglio, e non un […]

I pacifinti e le menzogne palestinesi: sul web il connubio purtroppo funziona

I pacifinti e le menzogne palestinesi: sul web il connubio purtroppo funziona

Campagna shock sul web: come i pacifinti danneggiano persino i palestinesi bisognosi di aiuto di Sarah F Nei giorni scorsi su Facebook è circolata la fotografia di una bambina di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Micol

    Nessuna sorpresa…la mistificazione della propaganda palestinese e’ ormai nota a chiunque sia dotato di cervello pensante

    30 Ott 2014, 23:16 Rispondi|Quota