1967: così parlava Pier Paolo Pasolini

 
admin
11 maggio 2008
12 commenti

Compagni, perché non capite?

da Il Riformista del 7 maggio 2008, pag. 1

di Pier Paolo Pasolini

Sul numero di aprile 1967 di Nuovi argomenti Pier Paolo Pasolini pubblica le poesie su Israele che non aveva inserito nella raccolta di tre anni prima e una nota molto polemica nei confronti della sinistra che aveva prese una netta posizione contro Israele. E’ un testo da rileggere.

Giuro sul Corano che io amo gli arabi quasi come mia madre. Sono in trattative per comprare una casa in Marocco e andarmene là. Nessuno dei miei amici comunisti lo farebbe, per un vecchio, ormai tradizionale e mai ammesso odio contro i sottoproletariati e le popolazioni povere. Inoltre forse tutti i letterati italiani possono essere accusati di scarso interesse intellettuale per il Terzo Mondo: non io. Infine, in questi versi, scritti nel ‘63, come è fin troppo facile vedere, sono concentrati tutti i motivi di critica a Israele di cui è ora piena la stampa comunista.

Ho vissuto dunque, nel ‘63, la situazione ebraica e quella giordana di qua e di là del confine. Nel Lago di Tiberiade e sulle rive del Mar Morto ho passato ore simili soltanto a quelle del ‘43, ‘44: ho capito, per mimesi, cos’è il terrore dell’essere massacrati in massa. Così da dover ricacciare le lacrime in fondo al mio cuore troppo tenero alla vista di tanta gioventù, il cui destino appariva essere appunto solo il genocidio. Ma ho capito anche, dopo qualche giorno ch’ero là, che gli israeliani non si erano affatto arresi a tale destino. (E così, oltre ai miei vecchi versi, chiamo ora a testimone anche Carlo Levi, a cui la notte seguente l’inizio delle ostilità, ho detto che non c’era da temere per Israele, e che gli israeliani entro quindici-venti giorni sarebbero stati al Cairo). È dunque da un misto di pietà e di disapprovazione, di identificazione e di dubbio, che sono nati quei versi del mio diario israeliana.

Ora, in questi giorni, leggendo l’Unità ho provato lo stesso dolore che si prova leggendo il più bugiardo giornale borghese. Possibile che i comunisti abbiano potuto fare una scelta così netta? Non era questa finalmente, l’occasione giusta per loro di «scegliere con dubbio» che è la sola umana di tutte le scelte? Il lettore dell’Unità non ne sarebbe cresciuto? Non avrebbe finalmente pensato – ed è il minimo che potesse fare che nulla al mondo si può dividere in due? E che egli stesso è chiamato a decidere sulla propria opinione? E perché invece l’Unità ha condotto una vera e propria campagna per «creare» un’opinione? Forse perché Israele è uno Stato nato male? Ma quale Stato, ora libero e sovrano, non è nato male? E chi di noi, inoltre, potrebbe garantire agli Ebrei che in Occidente non ci sarà più alcun Hitler o che in America non ci saranno nuovi campi di concentramento per drogati, omosessuali e ebrei? O che gli ebrei potranno continuare a vivere in pace nei paesi arabi? Forse possono garantire questo il direttore dell’Unità, o Antonello Trombadori o qualsiasi altro intellettuale comunista? E non è logico che, chi non può garantire questo, accetti, almeno in cuor suo, l’esperimento dello Stato d’Israele, riconoscendone a sovranità e la libere!? E che aiuto si dà al mondo arabo fingendo di ignorare la sua volontà di distruggere Israele? Cioè fingendo di ignorare la sua realtà? Non sanno tutti che la realtà del mondo arabo, come la realtà della gran parte dei paesi in via di sviluppo – compresa in patte l’Italia – ha classi dirigenti, polizie, magistrature, indegne? E non sanno tutti che, come bisogna distinguere la nazione israeliana dalla stupidità del sionismo, così bisogna distinguere i popoli arabi dall’irresponsabilità del loro fanatico nazionalismo?

L’unico modo per essere veramente amici dei popoli arabi in questo momento, non è forse aiutarli a capire la politica folle di Nasser, che non dico la storia, ma il più elementare senso comune, ha già giudicato e condannato? O quella dei comunisti è una sete insaziabile di autolesionismo? Un bisogno invincibile di perdersi, imboccando sempre la strada più ovvia e più disperata? Così che il vuoto che divide gli intellettuali marxisti dal partito comunista debba farsi sempre più incolmabile?»

da Nuovi Argomenti numero 6, aprile-giugno 1967

Agenzia Radicale

Articoli Correlati
Il pregiudizio antisraeliano degli esponenti dell’M5S è sempre più evidente: Paolo Bernini: “Il Sionismo è una piaga”

Il pregiudizio antisraeliano degli esponenti dell’M5S è sempre più evidente: Paolo Bernini: “Il Sionismo è una piaga”

Il pregiudizio antisraeliano degli esponenti dell’M5S è sempre più evidente: Paolo Bernini: “Il sionismo è una piaga” Roma, 27 Luglio 2013 – E’ notizia di oggi che alcuni deputati del […]

Tripoli, Libia, 1967

Tripoli, Libia, 1967

Tripoli, Libia, 1967 di Dani Mimun Illusi dai bollettini della radio egiziana, secondo i quali Israele stava per essere cancellata dalla carta geografica – poche ore ancora, aveva dichiarato Nasser […]

Così funziona la propaganda di Hamas sull’Olocausto

Così funziona la propaganda di Hamas sull’Olocausto

Israele, così funziona la propaganda di Hamas sull’Olocausto Roma, 2 mag (Velino) – Mentre lo stato d’Israele piangeva i propri morti durante Yom Ha Shoah, la giornata del ricordo, mentre […]

E’ stato Israele, e non i paesi arabi, ad avere incominciato la guerra del 1967, allo scopo di espandere il suo territorio.

E’ stato Israele, e non i paesi arabi, ad avere incominciato la guerra del 1967, allo scopo di espandere il suo territorio.

8 ) E’ stato Israele, e non i paesi arabi, ad avere incominciato la guerra del 1967, allo scopo di espandere il suo territorio. E’ falso. E bisogna fare un […]

Così parlava Montanelli…

Così parlava Montanelli…

Che i profughi palestinesi siano delle povere vittime, non c’è dubbio. Ma lo sono degli Stati Arabi, non d’Israele. Quanto ai loro diritti sulla casa dei padri, non ne hanno […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Elisabetta Besussi

    Oggi sono stata per la prima volta sul vostro sito, che non conoscevo. Sono da giorni in rete alla disperata ricerca di un po’ di verità in questa ridda di grossolana manipolazione semantica operata da buona parte dei media italiani. I professionisti dell’informazione hanno la maggiore responsabilità poiché nelle democrazie l’opinione pubblica dovrebbe basarsi sulla realtà e non sul pregiudizio. Vorrei ringraziarvi perché non avevo letto il Riformista e quindi ignoravo che 41 anni fa, dico 41, Pier Paolo Pasolini avesse già compreso quello che la sinistra italiana, a parte poche eccezioni, ancora non capisce o finge di non capire. Sono con Israele e sono di sinistra, a me non pare affatto una contraddizione. Grazie, buon lavoro a tutti voi.

    13 Gen 2009, 16:08 Rispondi|Quota
  • #2Franco

    “E non sanno tutti che, come bisogna distinguere la nazione israeliana dalla stupidità del sionismo, così bisogna distinguere i popoli arabi dall’irresponsabilità del loro fanatico nazionalismo?”

    Ecco, io sono di sinistra e sto con i palestinesi. Dove sta la contraddizione???

    5 Mag 2009, 07:43 Rispondi|Quota
  • #3giovanni

    Pasolini non ha parlato solo in quel caso di Israele, e altrove non fu altrettanto filoisraeliano (o meglio, antiarabo, visto che parla di stupidità del sionismo):
    http://www.pasolini.net/saggistica_PPPIsraelePalestina.htm

    30 Ago 2009, 03:55 Rispondi|Quota
    • #4Emanuel Baroz

      Conosciamo il punto di vista di Pier Paolo Pasolini ma abbiamo ritenuto opportuno pubblicare questa sua riflessione che a suo tempo andò contro il pensiero stereotipato di una certa parte della politica italiana…

      1 Set 2009, 23:18 Rispondi|Quota
  • #5Adriano

    Ecco, io sono di sinistra e sto con gli israeliani.Dove stà la contraddizione???

    30 Set 2009, 13:47 Rispondi|Quota
  • #6Vincenzo

    Ecco io sono di sinistra e sto con la creazione dei due stati ed, in questo momento storico, sto con i palestinesti perché dei due stati c’è solo Israele il quale non vuole realmente la creazione della Palestina. Se i palestinesi trattassero allo stesso modo gli israeliani, starei con gli israeliani.
    Dove sta la contraddizione? Semplicemente non c’è.
    Difendo il mio diritto di visitare la casa di Anna Frank ad Amsterdam e il mio diritto di non condividere la politica assassina dello stato di Israele (che nulla ha a che fare con i principi dell’ebraismo).
    Non c’è contraddizione.
    C’è però la stupidità di pensare che destra e sinistra siano sinonimi di palestina/israele.
    Comunque condivido con Pasolini la frase “stupidità del sionismo”.
    Ad oggi, il sionismo è diventato sinonimo di annullamento dei palestinesi e come posso io pensare che si neghi l’esistenza di esseri umani siano essi palestinesi e israeliani, ebrei o musulmani? Semplicemente non posso.

    31 Ago 2011, 14:52 Rispondi|Quota
  • #7gieffeemme

    Pensa Vincenzo che io sono comunista e nonostante sia contro ogni Stato….non sono così stupido da non vedere la differenza tra Israele e il mondo arabo, dove essere comunisti e magari atei significa morire. Da comunista poi mi interessa la verità e non la partigianeria…ma dove sta scritto che sionismo significa “annullamento” dei palestinesi? Dire poi che Israele é sanguinaria significa guardare la realtà con gli occhiali distorti dalla tua classe borghese, quelli cioé del tuo Stato, che per i suoi interessi strategici (il mondo arabo é sempre stato il giardino di casa dell’europa) ancora una volta sacrifica gli ebrei…insieme alla verità. Quando pasolini dice “comunisti” non intende quello che penso io, ma quel gruppo di interesse filo russia (stalinismo) che ad un certo punto trovarono più conveniente a livello imperialista appoggiare gli arabi, a partire dall’egitto, che pure furono con tutte le loro classi dirigenti alleati fedeli di hitler…Arafat compreso. Nel mondo arabo, anche palestinese, vanno alla grande testi come i protocolli dei savi di sion, stesso materiale che fu usato per giustificare l’olocausto…capisci perché dovresti sentirti quanto meno a disagio, Vincenzo, quando vai a visitare la casa di anna Frank?

    13 Dic 2012, 01:29 Rispondi|Quota
  • #8Suleiman Kahani

    Si vede che a quel pederasta di Pasolini piacevano i cazzi circoncisi! Ma che ci si può aspettare da uno che amava tanto i sottoproletari perché solo tra i miserabili trovava giovani pronti a vendersi l’ano per una pizza? Questo corruttore immondo, morto come gli si addiceva! Ovvio che amando le brutture e le sozzure lo menasse a israhell!
    Bravo! Brucia all’inferno pedopederasta annoiato!

    11 Apr 2015, 18:26 Rispondi|Quota
    • #9Emanuel Baroz

      ammazza che bella analisi! Veramente interessante…complimenti!

      12 Apr 2015, 17:33 Rispondi|Quota
    • #10Ily

      @Emanuel Baroz:AHAHAH

      3 Nov 2015, 20:38 Rispondi|Quota
  • #11Valentino Baldacci

    Ho usato quelle frasi pubblicate da Pasolini su “Nuovi Argomenti” come epigrafe per il mio libro “1967. Comunisti e socialisti di fronte alla guerra dei Sei giorni. La costruzione dell’immagine dello Stato d’Israele nella sinistra italiana”, pubblicato gusto un anno fa.

    3 Nov 2015, 18:29 Rispondi|Quota
  • #12Fabio

    Rilegga quello che ha scritto Pasolini: credo non l’abbia capito del tutto…

    3 Nov 2015, 23:38 Rispondi|Quota