Giuditta Pini (PD) dà spazio nuovamente alla propaganda antisraeliana e offende la memoria delle vittime della Shoah: “Milioni di palestinesi vivono in campi di concentramento”

 
Emanuel Baroz
21 marzo 2016
0 commenti

Giuditta Pini, l’ennesimo delirio: “Milioni di palestinesi vivono in campi di concentramento”

di Riccardo Ghezzi

giuditta-pini-campi-di-concentramento-palestinesi-focus-on-israelGiuditta Pini, la parlamentare modenese del Pd che sosteneva di essere venuta in possesso di una gigantesca pallottola di gomma estratta dal cranio di un bambino palestinese, è tornata alla carica contro Israele. La giovane classe ’84 ha approfittato del Congresso dei Giovani Democratici per lanciare dal palco accuse precise nei confronti di Gerusalemme, mostrando di conoscere il Medio Oriente come nessun altro e di essere un’autorevole esperta di storia e politica estera.

In Palestina vivono milioni di persone dentro dei campi di concentramento e nessuno ne parla più” ha esclamato la deputata del Pd nel bel mezzo del suo discorso, paragonando quindi gli ebrei deportati ad Auschwitz e Birkenau ai profughi palestinesi in Siria, Libano, Giordania, Striscia di Gaza e Cisgiordania, come è abitudine della propaganda antisionista.

Il riferimento ai campi di concentramento non è raro tra gli attivisti filopalestinesi, da Samantha Comizzoli a Rosa Schiano che spesso si spingono oltre e paragonano paradossalmente gli ebrei di oggi ai nazisti di ieri, ma mai un parlamentare della repubblica si era espresso in questo modo.

Dopo le pallottole di gomma e i riferimenti a periodi storici particolarmente tristi, nei quali però erano gli ebrei a essere vittime, probabilmente sentiremo Giuditta Pini accostare Israele al regime sudafricano dell’apartheid. Manca solo questo alla collezione antisionista della storica e politologa modenese che siede negli scranni della Camera dei Deputati.

Il memorabile intervento di Giuditta Pini è stato integralmente pubblicato sul sito de L’Unità. La frase sulla Palestina e sui campi di concentramento può essere ascoltata al minuto 6:42.

L’Informale

Nella foto in alto: la parlamentare del PD Giuditta Pini durante il suo delirante e vergognoso intervento nel corso del Congresso dei Giovani Democratici

Articoli Correlati
Israele toglie l’acqua ai palestinesi: ennesima menzogna della propaganda antisraeliana

Israele toglie l’acqua ai palestinesi: ennesima menzogna della propaganda antisraeliana

L’effetto valanga delle menzogne anti-israeliane Ecco come nascono le calunnie che poi arrivano alla stampa, al Parlamento europeo e all’opinione pubblica di Ben Dror Yemini Yehuda Shaul, uno dei capi […]

Giuditta Pini: la parlamentare PD che diffonde le menzogne della propaganda palestinese

Giuditta Pini: la parlamentare PD che diffonde le menzogne della propaganda palestinese

L’onorevole Giuditta Pini e il grottesco teatrino di “Pallywood” di Riccardo Ghezzi Giuditta Pini è una parlamentare della Repubblica italiana. Deputata del Pd. A questo dovete credere perché abbiamo fonti […]

“Riaprite i campi di concentramento”. Così ex consigliere di Rifondazione Comunista a Teramo

“Riaprite i campi di concentramento”. Così ex consigliere di Rifondazione Comunista a Teramo

“Riaprite i campi di sterminio”: la proposta nazista di Lanfranco Lancione, ex consigliere di Rifondazione a Teramo  di Laura Eduati “Riaprite i campi di sterminio, subito!“. E per risultare maggiormente […]

Rachel Corrie: una vittima della propaganda antisraeliana

Rachel Corrie: una vittima della propaganda antisraeliana

Il mito di Rachel Corrie di Giulio Meotti Il 16 marzo è l’anniversario della morte di Rachel Corrie, la studentessa universitaria americana, uccisa a Gaza da un bulldozer israeliano, nel […]

Roma: sfregio alla memoria della Shoah

Roma: sfregio alla memoria della Shoah

INSULTO ALLE «PIETRE D’INCIAMPO» Sfregio alla memoria dell’Olocausto: profanati i sampietrini dorati Il gesto vandalico in piazza Rosolino Pilo, di fronte alla casa in cui abitavano i Terracina di Piero […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento