Gaza: ucciso in un attentato capo di Hamas

 
Emanuel Baroz
25 marzo 2017
5 commenti

Striscia di Gaza, ucciso in un attentato un leader di Hamas

Gaza – Mazen Faqha, un dirigente di Hamas liberato da Israele nel 2011 in seguito ad un scambio di prigionieri, è stato ucciso in un attentato avvenuto nella Striscia di Gaza: lo ha reso noto il Ministero degli Interni del Territorio costiero.

Faqha è stato colpito da un gruppo di uomini armati nel quartiere di Tell al-Hama: le autorità della Striscia hanno aperto un’inchiesta.

(Fonte: TGCOM24, 25 Marzo 2017)

Nella foto in alto: Mazen Faqha, il dirigente di Hamas ucciso ieri nella Striscia di Gaza, il giorno della sua scarcerazione da Israele nel 2011 nell’ambito del ricatto di Hamas per la liberazione dell’ostaggio Gilad Shalit

Articoli Correlati
Gaza: eliminato con un raid mirato capo militare di Hamas

Gaza: eliminato con un raid mirato capo militare di Hamas

Raid mirato contro capo terrorista a Gaza Forze aeree israeliane hanno colpito e ucciso, mercoledì pomeriggio, Ahmed Jabari, capo delle Brigate Izzadin Kassam, l’ala militare di Hamas (qui il video). […]

Caos Egitto: capo di Hamas evade e viene accolto a Gaza da eroe

Caos Egitto: capo di Hamas evade e viene accolto a Gaza da eroe

Caos Egitto: capo di Hamas evade e viene accolto a Gaza da eroe Il Cairo, 6 Febbraio 2011 – Ayman Noofal, un capo delle Brigate Ezzedin al-Qassam (una delle tante […]

Gaza: attentato contro abitazione capo Hamas, più di 40 feriti

Gaza: attentato contro abitazione capo Hamas, più di 40 feriti

M.O.: attentato contro abitazione esponente Hamas in campo Gaza, 42 feriti Gaza, 2 ago. – (Adnkronos/Aki) – E’ di 42 feriti il bilancio delle vittime di una forte esplosione avvenuta […]

Striscia di Gaza: Hamas non vuole la commissione d’inchiesta sull’attentato di venerdì scorso

Striscia di Gaza: Hamas non vuole la commissione d’inchiesta sull’attentato di venerdì scorso

Striscia di Gaza: Hamas non vuole la commissione d’inchiesta sull’attentato di venerdì scorso 29/07/2008 Hamas non vuole una commissione d’inchiesta che indaghi sui responsabili dell’attentato interpalestinese di venerdì sera a […]

Gaza: ucciso capo Hamas implicato in cattura Shalit

Gaza: ucciso capo Hamas implicato in cattura Shalit

M.O.: UCCISO CAPO HAMAS IMPLICATO IN CATTURA SHALIT Gaza, 2 mag. – In un raid dell’aeronautica di Israele è stato ucciso ieri un capo militare di Hamas che prese parte […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Emanuel Baroz

    Un capo terrorista di Hamas, Mazan Fuqaha , di 35 anni, è stato ucciso venerdì sera nel parcheggio davanti alla sua casa, nel quartiere Tel al-Hawa della città di Gaza, da sconosciuti che gli hanno sparato alla testa quattro colpi col silenziatore per poi dileguarsi apparentemente senza lasciare tracce. Fonti locali dicono che Hamas sospetta che la vicinanza alla spiaggia abbia permesso ai killer di fuggire via mare. Originario di Tubas, in Cisgiordania, nel 2003 Fuqaha era stato condannato in Israele a nove ergastoli per il suo ruolo nella pianificazione ed esecuzione di una strage su un autobus nei pressi di Safed (Israele nord). Scarcerato nel 2011 nel quadro del ricatto per la liberazione dell’ostaggio Gilad Shalit, Fuqaha fu espulso nella striscia di Gaza dove è tornato all’attività terroristica violando l’impegno assunto al momento del rilascio. In particolare, ha contribuito a rilanciare Hamas in Cisgiordania gestendola da Gaza sotto il comando di Saleh al-Arouri e in collaborazione con Abd al-Rahman Ghanimat, un altro terrorista scarcerato per la liberazione di Shalit. Insieme, i tre hanno organizzato attacchi terroristici contro civili e militari israeliani.

    (Fonte: Israele.net, 27 Marzo 2017)

    27 Mar 2017, 23:26 Rispondi|Quota
  • #2Emanuel Baroz

    27 marzo 2017 – Benché non sia chiaro chi ci sia dietro l’uccisione a Gaza del capo terrorista di Hamas Mazan Fuqaha, l’organizzazione islamista palestinese ha incolpato Israele e minacciato vendetta. “Faremo piangere il nemico sionista” ha dichiarato il portavoce di Hamas, Mushir al-Masri. Fuqaha, condannato da Israele a 9 ergastoli per aver organizzato una strage di civili, dopo il rilascio nel quadro del ricatto per la liberazione dell’ostaggio Gilad Shalit era tornato all’attività terroristica violando apertamente l’impegno di non farlo.

    (Fonte: Israele.net)

    27 Mar 2017, 23:27 Rispondi|Quota
  • #3Emanuel Baroz

    27 marzo 2017 – I funerali di Mazan Fuqaha, il capo terrorista ucciso da sconosciuti venerdì sera davanti alla sua abitazione nella striscia di Gaza, sono stati trasformati da Hamas in una dimostrazione di forza con decine di militanti armati che hanno marciato accanto alla bara. Presenti al funerale sia il capo attuale di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, sia il suo predecessore Ismail Haniyeh. Centinaia di palestinesi hanno partecipato anche a un funerale simbolico tenuto sabato a Tubas, il villaggio in Cisgiordania dove era nato Fuqaha.

    (Fonte: Israele.net)

    27 Mar 2017, 23:27 Rispondi|Quota
  • #4Emanuel Baroz

    27 marzo 2017 – Hamas ha chiuso domenica mattina tutti i valichi di confine tra striscia di Gaza e Israele nella speranza di intrappolare gli autori dell’uccisione del capo terrorista Mazan Fuqaha. Come conseguenza della chiusura, né i palestinesi né i rappresentanti internazionali possono entrare o uscire dalla striscia di Gaza. Hamas ha detto che terrà chiuso anche il valico di Rafah con l’Egitto quand’anche il Cairo decidesse di riaprirlo. Per lo stesso motivo, Hamas ha anche vietato l’uscita in mare dei pescatori palestinesi. L’unico valico rimasto in funzione è quello di Kerem Shalom tra Israele e Gaza adibito al passaggio di merci, ma non di persone.

    (Fonte: Israele.net)

    27 Mar 2017, 23:28 Rispondi|Quota
  • #5Emanuel Baroz

    Chi voleva morto Mazen Fuqaha?

    Il comandante di Hamas tornato al terrorismo dopo essere stato scarcerato da Israele aveva parecchi nemici, alcuni anche molto vicini

    L’uccisione venerdì sera del capo terrorista di Hamas Mazen Fuqaha vicino alla sua casa, nella parte sud ovest della città di Gaza, è stata opera di professionisti. I killer hanno agito con calma sparando quattro proiettili a bruciapelo con armi dotate di silenziatore, per poi dileguarsi senza lasciare alcuna traccia, almeno a quanto risulta finora.

    Hamas ha immediatamente accusato Israele e i suoi servizi di sicurezza, ricordando fra l’altro l’uccisione lo scorso dicembre in Tunisia di un ingegnere che aveva contribuito a sviluppare per Hamas dei droni e un mini-sommergibile. E certamente Israele avrebbe avuto ottimi motivi per voler eliminare Fuqaha. Ma la lista dei possibili autori dell’uccisione è piuttosto lunga e comprende perlomeno gli islamisti salafiti, l’Autorità Palestinese e la stessa Hamas.

    Originario di Tubas, in Cisgiordania, nel 2003 Mazan Fuqaha era stato condannato in Israele a nove ergastoli per il suo ruolo nella pianificazione ed esecuzione di una strage su un autobus nei pressi di Safed (Israele nord) durante gli anni della “seconda intifada”. Scarcerato nel 2011 nel quadro del ricatto per la liberazione dell’ostaggio Gilad Shalit, venne espulso nella striscia di Gaza dove era tornato all’attività terroristica violando l’impegno assunto al momento del rilascio.

    Israele considerava da tempo Fuqaha uno dei pilastri del ramo di Hamas in Cisgiordania, impegnato giorno e notte a tramare da Gaza attentati contro obiettivi civili e militari sia in Israele che in Cisgiordania. I servizi di sicurezza israeliani e dell’Autorità Palestinese lavorano sodo per prevenire e bloccare questi attentati, arrestando ogni volta che è possibile le cellule terroristiche di Hamas in Cisgiordania.

    La convinzione generale nella striscia di Gaza è che Israele abbia fatto ricorso all’uccisione di Fuqaha non solo per eliminare un pericoloso capo terrorista, ma anche per inviare un doppio avvertimento. Innanzitutto agli altri terroristi ex detenuti in Israele, scarcerati ed espulsi a Gaza e che sono tornati a praticare il terrorismo. Il secondo luogo, alla nuova dirigenza di Hamas e in particolare al nuovo capo di Hamas a Gaza, Yahiya Sinwar. Il messaggio è che nessuno, anche a Gaza, può sentirsi al sicuro se pratica il terrorismo contro Israele.

    L’Autorità Palestinese di Ramallah aveva più o meno le stesse ragioni di Israele per volere morto Fuqaha. Benché l’Autorità Palestinese non sia più ufficialmente presente nella striscia di Gaza dopo esserne stata cacciata con la violenza da Hamas nel giugno 2007, tuttavia si sa che agenti dei suoi servizi di sicurezza sono attivi nella striscia e potrebbero essere stati loro a uccidere Fuqaha, anche se le probabilità di questa opzione sono piuttosto basse rispetto alle altre.

    Tra i possibili sospetti dell’uccisione non si possono non considerare i gruppi salafiti islamisti di Gaza affiliati all’ISIS, che contestano Hamas e ogni tanto lanciano razzi contro Israele senza coordinarsi con i suoi capi. Hamas, che in questo momento non è interessata a uno scontro frontale con Israele non essendosi ancora ripresa dalle perdite in uomini e armi subite nella guerra dell’estate 2014, nei mesi scorsi ha imprigionato centinaia di salafiti nel tentativo, fra l’altro, di riallacciare i rapporti con il Cairo (impegnato in una sanguinosa guerra contro l’ISIS nel Sinai). I salafiti potrebbero dunque aver deciso di punire Hamas assassinando uno dei suoi principali comandanti, in particolare uno che non era protetto da severe misure di sicurezza come invece altri importanti esponenti di Hamas.

    Ma la stessa Hamas avrebbe potuto essere interessata all’uccisione di Fuqaha. Hamas è nota per essere un’organizzazione che non esita a eliminare coloro che non si adeguano agli ordini dei capi o che sembrano un po’ troppo indipendenti e competitivi. Un caso ben noto è l’assassinio un anno fa di Mahmoud Eshtewi, un alto comandante del ramo militare di Hamas, verosimilmente liquidato a causa delle sue critiche a Yahya Sinwar, il “super falco” recentemente nominato capo supremo di Hamas a Gaza.

    E’ anche possibile che Fuqaha sia stato sospettato di fare il doppio gioco collaborando con Israele, e che Sinwar abbia ordinato di ucciderlo in un modo che sembrasse opera dei servizi israeliani. Sinwar non è tipo da farsi scrupoli al minimo sospetto di questo tipo, ed è risaputo che ha ucciso personalmente più di dieci palestinesi sommariamente accusati di collaborare con Israele nella lotta contro il terrorismo.

    (Fonte: Yossi Melman su Jerusalem Post, Elior Levy su YnetNews, 26 Marzo 2017)

    http://www.israele.net/chi-voleva-morto-mazen-fuqaha

    27 Mar 2017, 23:32 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Gaza: Hamas ha sviluppato un nuovo missile ad “alta potenza” | Focus On Israel