Francia, Marine Le Pen tenta di riscriviere la storia riguardo Vichy e le deportazioni degli ebrei

 
Emanuel Baroz
12 aprile 2017
1 commento

Marine Le Pen e il maldestro tentativo di riscrivere la storia

di Riccardo Ghezzi

Marine Le Pen è ancora nell’occhio del ciclone e per la seconda volta in poche settimane lo “scivolone” riguarda gli ebrei. Dopo aver paventato il divieto di “doppia cittadinanza” anche “agli ebrei” (ma non ai russi), la leader del Fn ha voluto addentrarsi in ricostruzioni storiche poco puntuali, per usare un eufemismo.

A suo parere, infatti, la Francia intesa come nazione non è responsabile del rastrellamento e della deportazione degli ebrei, perché la “Repubblica di Vichy non può essere considerata Francia”.

Marine Le Pen, commentando l’episodio del 16 luglio del 1942, giorno in cui 4.500 tra poliziotti e gendarmi francesi arrestarono più di 13.000 ebrei, non ha trovato nulla di meglio da dire che “Vichy non era la Francia” dopo essere stata attaccata per aver negato le responsabilità francesi nella deportazione degli ebrei al Vel d’Hiv, il “velodromo d’inverno” di Parigi all’interno del quale erano stati radunati gli ebrei da deportare.

Quello di Marine Le Pen è quindi un atto di discontinuità rispetto ad alcuni presidenti del passato che hanno invece ritenuto opportuno di chiedere scusa per il ruolo della polizia francese: il primo era stato Chirac nel 1995.

La leader del Fn non ne vuole invece sapere: la Repubblica di Vichy era “abusiva e illegittima”, quindi non rappresentava il governo francese e men che meno la nazione.

Un goffo tentativo di riscrivere la storia: il passaggio di consegne al maresciallo Philippe Pétain è avvenuto rispettando la Costituzione a tutti gli effetti, con la ratifica tramite il voto parlamentare. Il governo collaborazionista non è quindi mai stato abusivo o illegale. Era il vero governo francese, anche se la Francia ha in qualche modo tentato di nasconderlo deformando la storia.

Forse in Francia sono tanti a pensarla come Marine Le Pen, proprio per questo il commento “storico” sembra un tentativo maldestro di attirare elettorati troppo distanti tra loro: nazionalisti francesi, nostalgici di Vichy, persino gli ebrei. I quali, però, ovviamente non l’hanno presa bene, rispondendo per le rime anche da Israele: “Condanniamo le dichiarazioni fatte da Marine Le Pen secondo le quali la Francia non è responsabile della deportazione degli ebrei dal suo territorio durante la Shoah”, ha dichiarato un portavoce del ministro degli Esteri israeliano, Michal Maayan. “Questa dichiarazione è contraria alla verità storica, quella espressa dai presidenti della Francia, che hanno riconosciuto la responsabilità dello Stato per la sorte degli ebrei francesi che sono morti durante la Shoah”.

L’Informale.eu

Articoli Correlati
Francia, Marine Le Pen: “Se vinco gli ebrei francesi non potranno mantenere la cittadinanza israeliana”

Francia, Marine Le Pen: “Se vinco gli ebrei francesi non potranno mantenere la cittadinanza israeliana”

Le Pen: se vinco gli ebrei francesi non potranno mantenere la cittadinanza israeliana La leader del Front National contro la doppia nazionalità e l’uso della kippah di Giordano Stabile Parigi, […]

Ebrei in fuga dalla Francia, nell’indifferenza generale

Ebrei in fuga dalla Francia, nell’indifferenza generale

Due terzi dei francesi indifferenti alla fuga degli ebrei E per la sinistra islamofila di Hamon, Israele è “peggio dell’apartheid” di Giulio Meotti Nei giorni scorsi, in occasione della Giornata […]

Francia: Jean Marie Le Pen festeggia la vittoria del Fronte Nazionale con un tweet antisemita

Francia: Jean Marie Le Pen festeggia la vittoria del Fronte Nazionale con un tweet antisemita

Jean Marie Le Pen festeggia la vittoria con tweet antisemita Parigi, 7 Dicembre 2015 – Jean Marie Le Pen festeggia la vittoria elettorale del Front National con un tweet antisemita. […]

Ebrei lasciano la Francia: troppo antisemitismo

Ebrei lasciano la Francia: troppo antisemitismo

Ebrei lasciano la Francia in numeri da record. Pesa il clima di antisemitismo In quasi cinquemila hanno lasciato il Paese nei primi mesi del 2014. PARIGI – Nei primi otto […]

In Francia, dove “è meglio non dire di essere ebrei”

In Francia, dove “è meglio non dire di essere ebrei”

In Francia, gli ebrei sono i nuovi nazisti di Giulio Meotti Il 21 febbraio 1944 i nazisti giustiziarono un gruppo di partigiani della Resistanza noto come “Manouchian”, composto in gran […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Parvus

    Il mio onesto parere è che si può divergere sulle ricostruzioni storiche.
    L’importante è che non si lasci che l’islam assedi Israele conquistando l’Europa.

    16 Apr 2017, 19:47 Rispondi|Quota