Israele sbugiarda per l’ennesima volta le falsità di Amnesty International

 
Emanuel Baroz
30 ottobre 2009
5 commenti

Acqua: “È Israele che rispetta i patti, a differenza dei palestinesi”

focus on israel amnesty internationalLa gestione delle risorse idriche fra israeliani e palestinesi si basa su un accordo ad interim fra le due parti, e in particolare sull’articolo 40 dell’Allegato III che concerne la questione dell’acqua dolce e delle acque reflue. Secondo tale accordo, ai palestinesi spettano ogni anno 23,6 milioni di metri cubi di acqua. All’atto pratico, essi hanno accesso ad una quantità di acqua almeno doppia di questa cifra.

Israele ha rispettato tutti i suoi obblighi previsti dall’accordo sull’acqua riguardo alle forniture di quantità addizionali ai palestinesi, superando anche largamente le quantità obbligatorie. I palestinesi, per contro, hanno significativamente violato i loro impegni previsti dall’accordo sull’acqua, con particolare riguardo a questioni importanti come lo scavo illegale di pozzi (ne hanno scavati più di 250 senza autorizzazione da parte della Commissione Congiunta sull’Acqua) e la gestione delle acque reflue (i palestinesi non costruiscono impianti di trattamento delle acque reflue nonostante il loro impegno a farlo e i cospicui fidanzamenti internazionali stanziati a questo scopo).

I dati relativi al consumo di acqua dolce naturale mostrano chiaramente il trattamento corretto da parte di Israele delle esigenze palestinesi. Nel 1967 il consumo israeliano pro capite di acqua dolce naturale era di 508 metri cubi all’anno. Nel 2008 tale consumo è vistosamente sceso a 149 metri cubi per persona all’anno. Le cifre palestinesi per lo stesso consumo sono passate da 86 metri cubi nel 1967 a 105 nel 2008.Israele si è offerto di fornire ai palestinesi acqua desalinizzata, ma questa opzione è stata sistematicamente respinta per ragioni politiche.

Mentre dal 1967 Israele ha significativamente ridotto il suo uso di acqua fresca naturale, ridimensionando in modo consistente il gap fra consumo israeliano e palestinese, non si capisce in base a quali elementi reali Amnesty International possa parlare di “politiche discriminatorie” verso i palestinesi.

Gli autori del rapporto hanno scelto di ignorare tutti i dati, i documenti e i rapporti di parte israeliana, sebbene contengano fatti verificabili presentati in totale trasparenza. Questo discutibile approccio, che consiste nel trascurare sistematicamente il materiale di fonte israeliana facendo assegnamento esclusivamente sulle accuse palestinesi, suscita seri dubbi sulle reali intenzioni degli autori del rapporto e dell’organizzazione stessa che lo firma.

(Comunicato del portavoce del ministero degli esteri israeliano, 27.10.09)

Israele.net

Articoli Correlati
Pur di accusare Israele Amnesty International non esita a coprirsi di ridicolo (e di vergogna)

Pur di accusare Israele Amnesty International non esita a coprirsi di ridicolo (e di vergogna)

Amnesty, il Nobel per la Pace che trasforma Israele in aggressore L’esercito israeliano è accusato dall’organizzazione non governativa di mettere i coltelli nelle mani dei terroristi. di Giulio Meotti Durante […]

Rapporto Amnesty International su Israele: la solita raccolta di calunnie e verità parziali

Rapporto Amnesty International su Israele: la solita raccolta di calunnie e verità parziali

Amnes(t)y paragona Israele all’Isis di Dimitri Buffa Paragonare Israele all’Isis e chiedere alla comunità dei Paesi aderenti all’Onu di non vendere più armi allo stato ebraico. Per Amnesty international, in […]

Amnesty International: continua la deriva antisraeliana della più grande organizzazione per la difesa dei Diritti Umani

Amnesty International: continua la deriva antisraeliana della più grande organizzazione per la difesa dei Diritti Umani

La metamorfosi di Amnesty International. Da Nobel per la pace a marionetta araba di Miriam Bolaffi Ormai da diversi anni quella che a detta di tutti sarebbe la più grande […]

Gaza: quello che Amnesty International non dice su Hamas

Gaza: quello che Amnesty International non dice su Hamas

Gaza: quello che Amnesty International non dice su Hamas Tante le incredibili omissioni di Amnesty International su Hamas e sulle violazioni dei Diritti a Gaza di Miriam Bolaffi Qualche giorno […]

Per Amnesty International Israele è “uno stato feccia”

Per Amnesty International Israele è “uno stato feccia”

Israele è una feccia. Così parlano ad Amnesty, bibbia dei diritti umani di Giulio Meotti “Uno stato feccia”. Così ha definito Israele il direttore di Amnesty International a Helsinki, Frank […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Marco

    Ma perche’ gli israeliani stanno tanto sul cazzo? Quali sono le profonde ragioni politiche?

    2 Nov 2009, 14:29 Rispondi|Quota
    • #2Emanuel Baroz

      Sinceramente ho iniziato a pensare da un pò di anni a questa parte che il problema sia semplicemente di prezzo: evidentemente gli altri pagano……

      2 Nov 2009, 15:01 Rispondi|Quota
  • #3Andrea

    @Marco:

    risposta semplicissima: nel ’48 gli arabi pensavano di liquidare la questione in 5 minuti…. e hanno attaccato in 5 conto 1 (azione SPROPOSITATA? Baffetto dove sei?).

    Da allora hanno rimediato solo figure di cacca.

    Vai a vedere la cartina geografica: un minuscolo lembo di deserto (pagato a peso d’oro e fatto rifiorire) abitato da gente tenace ha messo in scacco tutto l’ex impero ottomano.

    Davide contro Golia……

    2 Nov 2009, 22:22 Rispondi|Quota
  • #4luca cesana

    Emanuele, hai ragione ma, purtroppo, non è l’unica ragione.
    Le altre sono decisamente più inquietanti.

    3 Nov 2009, 00:02 Rispondi|Quota
  • #5Emanuel Baroz

    MO: ‘AMNESTY E’ PER JIHAD’, BOTTA E RISPOSTA MAARIV-ONG

    (ANSA) – TEL AVIV, 6 APR – Aspro botta e risposta fra Maariv, uno dei quotidiani più diffusi in Israele, e Amnesty International. Ad innescare la polemica è stato il tabloid di Tel Aviv che ha oggi aperto la sua prima pagina con un titolo a caratteri cubitali: ‘Amnesty e’ per la Jihad’. Nel testo il polemista Ben-Dror Yemini riassume la polemica infuriata ai vertici di Amnesty per la cooperazione con Moazzam Begg, un ex internato di Guantanamo definito dalla stampa “il più famoso sostenitore dei Talebani in Gran Bretagna”. Yemini scrive che il segretario generale (ad interim) di Amnesty Claudio Cordone ha difeso la cooperazione con Begg in materia di diritti umani e ha invece sospeso una dirigente della sua Ong, Gita Shagal, che lo biasimava. Yemini attacca Cordone per, dice, la sua giustificazione teorica di una “Jihad (guerra santa) difensiva” e lo accusa di aver adottato una linea di “sofisticata ipocrisia”. In un comunicato inoltrato all’ANSA il direttore generale di Amnesty international in Israele Itay Epstein ha subito respinto le accuse affermando che Yemini travisa le posizioni di Cordone. Amnesty fa infatti riferimento solo alle posizioni personali di Begg “che non sono violente e non sono favorevoli ad attacchi contro civili”. In ogni caso, si legge ancora nel comunicato, “Amnesty non sostiene affatto la Jihad, e si oppone all’uso della violenza”.

    8 Apr 2010, 23:53 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Gaza occupata? Si….. ma da Hamas - Focus On Israel
  2. Per Amnesty International Israele è “uno stato feccia” - Focus On Israel
  3. E MAGARI ANCHE AMNESTY INTERNATIONAL, SECONDO TE… | ilblogdibarbara